Recupero del patrimonio edilizio: Ecco il bonus del 50%

Non dimentichiamo che per chi effettua lavori di recupero del patrimonio edilizio fino a 96 mila euro c’è invece il bonus del 50 per cento ripartito in dieci anni, già istituito in fase pre Covid.

La detrazione al 50 per cento si può richiedere per tutto il 2020 anche per interventi a partire dal 1 gennaio 2019 per alcuni mobili, elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ destinati ad un immobile oggetto di ristrutturazione edilizia, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo.

Rientrano tra i mobili agevolabili letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.
Insomma, chi vuole, nel 2020 può davvero rifare casa… a costo super agevolato!

Scroll to Top